Le 10 maglie più belle della serie A dal 1990 al 1995

Facciamo una dieci? Ok, facciamo una dieci. Mi sento ispirato, voglio farne una nostalgica. Non so cazzo, mi sento nostalgico in ogni istante della mia giornata. Non so se è perché sono chiuso in casa da non so nemmeno più io quanto. Non so se è questa aria di quarantena che ha svuotato le strade e ha silenziato il volume del suono delle macchine per la strada, lasciando sentire il cinguettio degli uccellini. O forse è questo blocco delle frontiere, che ha tolto quella patina di globalizzazione che mascherava un Italia che non sembra tanto più globale e moderna di 30 anni fa. Senza turisti, fast food, centri commerciali, grandi negozi la vita sembra tornata ad essere quella di tanti anni fa, quando la spesa la facevi dall’ortolano e la domenica cenavi insieme alla famiglia in giardino e parlavi con il vicino, magari ti scambiavi anche qualche dolce. Non so se è semplicemente la primavera o forse perché quest’anno ne faccio 31. Cazzo 31. Vabbé. Facciamo questa 10 nostalgica allora. Andiamo sul calcio e scegliamo di stilare una classifica delle maglie più belle degli anni ’90. Facile no? Cerchiamo le maglie e ne scegliamo 10. Le dieci più belle. Facile no? No. Sono troppe. Vabbè allora facciamo così. Facciamo una via di mezzo. Le dieci più belle dal 90 al 95. Si dai, così mi sembra un buon compromesso.

10. Juventus F.C. ’89-’90

Fonte: https://www.topvintagefootballshirts.com/

Posizione insolita per la Juventus. Sia all’interno di questa classifica, sia nella classifica di Serie A ’89-90: un quarto posto ma 2 coppe in bacheca. La Juventus di Dino Zoff porta a casa la Coppa Uefa, alzata nella prima finale internazionale tra due squadre italiane, vinta 3 a 1 contro la Fiorentina di Baggio. Quell’anno i bianconeri sollevano anche la Coppa Italia. Maglia bianco-nera semplice, pulita con sponsor tecnico italiano. Il logo Upim, storico grande magazzino italiano, è la ciliegina sulla torta.

9. Torino F.C. ’93-’94

fonte: https://www.topvintagefootballshirts.com/

Una stagione non entusiasmante per il “Toro” 93-94 nella rosa del quale militava anche un giovanissimo Bobone Vieri. Granata classico e un main sponsor che ancora oggi sta attaccato a quella maglia.

8. Atalanta ’91- ’92

fonte: https://www.topvintagefootballshirts.com/

Questa Atalanta la ricordo principalmente per un giocatore argentino, scuola River Plate, che arrivò a Bergamo dopo aver militato un anno al Verona: Claudio Caniggia. Sponsor Tamoil e, con 5 mila lire, siamo subito al benzinaio di Viale dei Mille a mettere il pieno al Ciao.

7. Parma ’90- ’91

fonte: https://www.topvintagefootballshirts.com/

Un neopromosso Parma che finì la stagione al quinto posto e si guadagnò l’accesso alla Coppa Uefa. Gli anni d’oro per il Parma arrivarono dopo, ma questo lo ricordo con affetto, sopratutto per il grande Taffarel in porta. Lo sponsor Parmalat, azienda che già ad inizio anni ’90 era in una crisi che fu scoperta solo nel 2003 (anno del definitivo fallimento), è paradigmatico di un’Italia che affrontava gli anni ’90 con le ultime belle speranze di un benessere finanziaro che se n’è andato con la fine di quel decennio e che ancora deve tornare.

6. Milan ’94- ’95

fonte: https://www.topvintagefootballshirts.com/

Pronti via e il Milan porta a casa la Supercoppa Italiana ai rigori in finale con la Samp. Quell’anno il Milan vinse anche un altra Supercoppa, quella Europea. Quel Milan raggiunse anche la finale di Champions (la quinta in 7 anni) ma capitolò contro l’Ajax di Kluivert, che siglò l’1 a 0 che decise il match e la competizione. Era il Milan di Ruud Gullit, Van Basten, Costacurta, Maldini. Era il Milan degli anni ’90.

5. Internazionale Milano ’91- ’92

fonte: https://www.topvintagefootballshirts.com/

Una stagione anomina quella di quell’Inter, che terminò l’anno con 17 pareggi su 34 incontri, non qualificandosi per nessuna coppa intercontinentale. La maglia non è nemmeno delle più famose ma alcuni particolari, come lo sponsor tecnico ed il colore oro, scelto per alcuni dettagli, la rendono per me una delle migliori di quegli anni.

4. S.S. Lazio ’95 – ’96

fonte: https://www.topvintagefootballshirts.com/

Era una lazio meravigliosa. Capitanata da Beppe Signori, vantava tra le file giocatori del calibro di Alessandro Nesta, Alen Bokšić, Pierluigi Casiraghi, e Diego Fuser. Era la lazio di cui mi innamorai e che, da quel momento, non ho mai smesso di amare. Sponsor Umbro, colletto con doppia striscia che ricorda una Fred Perry e sponsor “Banca di Roma”. E’ così casual che se continuo a guardarla divento troppo imparziale e la sposto al primo posto.

3 Sampdoria ’90-’91

Serve altro, oltre a questa foto, per descrivere la scelta? Penso che se venisse fatta una classifica delle migliori magliette della serie A, quella della Samp sarebbe praticamente sempre sul podio. Gusti personali? Forse sì. Quella della stagione ’90-’91 è la Samp dello scudetto, dei gemelli del gol per antonomasia, è pura poesia.

2 A.C. Fiorentina ’95- ’96

Altra maglia per la quale mantenere un giudizio è imparziale è un impresa ardua. Questa maglia l’ho vissuta, l’ho comprata, l’ho indossata ai giardini di Campo di Marte nelle partitelle contro gli amici, l’ho sicuramente sognata ed ancora oggi, non mi vergono a dirlo, la sogno. Esisteva in tre versioni: bianca, viola e rossa. Una più magica dell’altra. Ho messo questa semplicemente perchè non trovavo delle buone foto delle altre varianti su internet. Se chiudo gli occhi riesco ancora a sentirmi in tribuna con mio babbo, sento ancora il sale delle lacrime che cadono sul volto (alcune volte per l’emozione, altre volte per il fumo dei lacrimogeni), le urla del franchi, la radiolina che trasmette tutto il calcio minuto per minuto, il cuore in gola dopo le corse per arrivare in tempo al bar dell’Olimpia per rivedere i gol sulla TV con i vecchietti del quartiere. Gran parte del mio passato è legato a quella maglia, quella squadra e quello stadio. In questa foto ho messo il fronte della maglia. Sul retro riesco a immaginare un numero ed un nome solo: il 9 di Gabriel Omar Batistuta.

1 A.S. Roma ’91- ’92

fonte: https://www.topvintagefootballshirts.com/

Il 30 Aprile 2017 mi trovavo allo Stadio Olimpico di Roma per l’ultimo Derby di Francesco Totti. Avevo appena rotto un altro cellulare, capirai che sfiga. A.S. Roma 1 – S.S. Lazio 3. Di quella partita ricordo due cose: il boato dei romanisti al “Roma, Roma, Roma” di Antonello Venditti e l’ovazione da parte di 43 mila spettatori (laziali e romanisti) davanti all’uscita del Capitano dal campo, tutti in piedi per l’ultimo Re di Roma. Lì ho avuto un piccolo grande assaggio di cosa significhi essere romanista. Il legame che tifosi e giocatori hanno con la Roma è qualcosa che non si può descrivere; o si prova o si cerca di comprendere osservando gli occhi di chi la Maggica la sente dentro. Con questa maglia Bruno Conti ha disputato la sua ultima stagione da giocatore della Roma, abbandonando il calcio giocato per sempre. E’ spettacolare nella sua iconicità, capace di descrivere perfettamente una Italia decadente, ancora scottata dal terzo posto a Italia ’90; lo sponsor Barilla insieme al tricolore ne sono la prova.

Published by: Matteo Innocenti

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Firenze. Medico in formazione specialistica cialistica in Psichiatria. Iscritto alla Scuola di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale di Firenze. Esperto di Cambiamento Climatico e del suo effetto sulla salute fisica e mentale. Appassionato di Geopolitica. Se riesco a fare tutto in tempo faccio Sport. Assiduo frequentatore di campetti di basket. Quando sono triste ascolto musica Indie o dipingo autoritratti astratti. O faccio entrambe le cose. Sono perennemente alla ricerca di qualcosa, ma non ho ancora ben capito cosa.

Categorie Senza categoriaLascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...