Un “mare” di libri: 5 testi da (ri)leggere se ti mancano le onde

Solo per un momento. In questa desolazione lasciataci dal coronavirus proviamo ad avventurarci, almeno con la mente, in uno degli ambienti più rasserenanti e avventurosi nel quale potremmo andare: il mare. Come? Rileggendo questi 5 classici immortali che ci faranno viaggiare con il pensiero verso porti più sicuri.

1 – Il vecchio e il mare – Ernest Hemingway

crediti immagine: Pausa Caffè (http://www.pausacaffeblog.it/wp/2017/05/ernest-hemingway-vecchio-mare.html)

Per molti il più grande capolavoro di Ernest Hemingway. “Il vecchio e il mare” rappresenta nella sua pienezza l’eterna lotta tra uomo e natura, e narra della estenuante battaglia dell’anziano pescatore cubano Santiago con un marlin gigante. La storia del protagonista ed i suoi ricordi, uniti alle meravigliose descrizioni dell’oceano e della pesca logorante, innalzano questo testo ad una metafora del sacrificio e del rapporto che l’uomo ha con il mondo. Decisamente un libro da leggere almeno una volta nella propria vita.

2 – Ventimila leghe sotto i mari – Jules Verne

crediti immagine:https://www.flickr.com/photos/116153022@N02/12508286164

Andiamo, chi non conosce il Capitano Nemo ed il Nautilus? In questo imperituro romanzo Jules Verne ha anticipato il genere fantascientifico, ispirando film, fumetti e personaggi leggendari. Il romanzo è ambientato nel periodo successivo alla guerra di secessione, e narra le avventure del sottomarino Nautilus, inizialmente scambiato per un mostro marino dai marinai della fregata Abraham Lincoln, i quali in seguito, invece, per una serie di vicessitudini, si uniscono alla ciurma dell’enigmatico Capitano Nemo. L’uomo, che da tempo ha rifiutato di vivere sulla terra ferma con gli altri esseri umani, li porterà in una miriade di avventure tra foreste sottomarine, mostri oceanici e scoperte scientifiche, con i protagonisti che cercheranno, infine, di fuggire dalla prigionia all’interno del Nautilus.

3 – L’isola del tesoro – Robert Louis Stevenson

crediti immagine: https://www.pausacaffeblog.it/wp/2016/11/robert-louis-stevenson-lisola-del-tesoro.html

Tutti ricorderanno Stevenson per il suo scritto più celebre “Lo strano caso del Dottor Jeckyll e di Mr. Hyde”, ma il primo romanzo con cui si rese famoso lo scrittore scozzese fu proprio “L’isola del tesoro”. Il testo è universalmente riconosciuto come un romanzo per ragazzi, ma grazie alle sue descrizioni introspettive, come quella del personaggio Long John Silver che rispecchia la potenziale ambiguità della morale, nè completamente buona nè completamente cattiva,  ha attirato l’attenzione anche del pubblico adulto. Il romanzo è suddiviso in 6 parti per un totale di 34 capitoli. La voce narrante è quasi sempre quella del protagonista Jim Hawkins, il figlio di un padrone di una locanda situata vicino Bristol. Il ragazzo ritrova una vecchia mappa nel baule di un’ospite della locanda, il pirata Billy Bones, e successivamente s’imbarca come mozzo su una goletta alla ricerca del tesoro segnato sulla mappa. Ne nasce un’avventura fatta di pirati, combattimenti e tempeste, con il giovane Jim che attraverso queste vicende troverà la strada per diventare uomo.

4- Moby Dick – Herman Melville

crediti immagine: https://www.ilmessaggero.it/blog/lampi/i_duecento_anni_di_melville_ecco_perche_moby_dick_restera_sempre_tra_noi-4653519.html

Forse il racconto “marino” più illustre di sempre. Herman Melville ci trasporta all’interno della baleniera Pequod, guidata dall’emblematico Capitano Achab, che come unico desiderio nella vita ha quello di vendicarsi della balena bianca che gli ha divorato una gamba, Moby Dick. L’avventura è tra le più appassionanti nella letteratura di genere, ed il mostro, rappresentato dalla balena bianca, ritrae l’impersonificazione del Male, che va combattuto a tutti i costi dall’equipaggio, che ha a sua volta la funzione di “crociato”. Un grande classico dal quale carpire delle profonde riflessioni sui temi dell’alienazione, delle vita e della morte.

5 – Il conte di Montecristo – Alexandre Dumas

crediti immagine: https://cultura.biografieonline.it/il-conte-di-montecristo/

Giustizia, vendetta, perdono: Il conte di Montecristo è un’opera estremamente articolata e che evoca queste tre tematiche principali. Il romanzo si districa attraverso la storia di Edmond Dantès, un bravo marinaio accusato ingiustamente di cospirazione a favore del ritorno di Napoleone in Francia che viene incarcerato per 14 anni. Il protagonista riuscirà però a fuggire, ed una volta evaso si tramuterà nel conte di Montecristo, il suo alter ego, che mediterà e pianificherà nei minimi dettagli la propria vendetta. Una storia immortale, da assoporare pagina per pagina.

Published by: Niccolò Ghinassi

Laureato in Scienze Politiche all'Università degli Studi di Firenze, e diplomato presso MCI, Master in Comunicazione di Impresa all'Università degli studi di Siena. Le mie competenze nel mondo della comunicazione e del digitale derivano dalle numerose collaborazioni ed esperienze sul campo, tra le quali spiccano quelle con la Scuola Scienze Aziendali e Tecnologie Industriali Piero Baldesi, l'incubatore di startup Murate Idea Park, e con le emittenti TeleIride ed Italia 7. Appassionato di sport e lettura, attento ai cambiamenti tecnologici in atto, cerco di coniugare le mie passioni con il mio lavoro, in un'ottica di scoperta continua e di approfondimento costante. Sostenitore del diritto di opinione e della solidarietà tra esseri umani, ritengo di estrema importanza il confrontarsi sui temi più urgenti e rilevanti del nostro mondo e della nostra società, perchè da una mente può nascere una grande idea, ma da più menti può nascere un grande futuro.

Categorie cinqueTag, , , Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...